In Primo Piano

I vostri racconti, le vostre emozioni... le nostre piu' grandi soddisfazioni!


19 maggio 2019

"...non sapevo nuotare e a malapensa stare a galla...ma loro per primi hanno creduto in me"

Sono grato alla Bergamo Sub e al suo staff per molteplici motivi. Arrivo da una situazione difficile, una situazione che mi ha avvicinato al mare e ai suoi misteri, soprattutto in occasione di una vacanza: è in questa occasione che prendo la decisione di avvicinarmi al mondo della subacquea.

Da neofita quale sono, per puro caso, mi imbatto nella Bergamo Sub e già dopo la prima serata di presentazione, con il solo confronto dato dall’entusiasmo dei racconti di chi la presenta, decido di proseguire nella decisione di praticare questo sport.

E’ qua che mi imbatto nel mio primo ostacolo: io non sapevo nuotare e a malapena stare a galla, convinto (stupidamente N.d.A.) che per stare sottacqua non necessitava stare sopra l’acqua.

Qua va il mio primo ringraziamento a tutti gli istruttori della Bergamo Sub, perché loro per primi hanno creduto in me e loro per primi mi hanno spronato a mettercela tutta: è così che, preso sotto l’ala del caro Giorgio, Battista e Severino ho preso conoscenza e confidenza con l’acqua e alle sue leggi fisiche.

Inizio così a trovare il coraggio e la voglia di frequentare contemporaneamente un corso di nuoto.

A questo punto mi imbatto, mio malgrado, in un secondo ostacolo: un piccolo infortunio che mi allontana dall’acqua per un mesetto. Sempre grazie agli istruttori che, spronandomi e soprattutto aspettandomi, mi aiutano a rimettermi in gioco, torno di nuovo in acqua, avendo la fortuna d’essere seguito singolarmente e potendo così recuperare il tempo perso.

Sono passati diversi mesi dall’inizio del corso ma alla fine, grazie anche al mio impegno e costanza, ma soprattutto grazie a tutte quelle persone che in primis hanno creduto in me, sono riuscito a 41 anni a imparare a nuotare, eseguire esercizi in apnea in acque alte (cosa che fino a 6 mesi fa non avrei minimamente previsto) e arrivare dunque alla fine, potendo godere dell’ambito brevetto e delle meravigliose esperienze subacquee nei nostri mari, felice d’aver trovato delle persone tecnicamente preparate, serie, affidabili ma soprattutto aver trovato degli amici.

Grazie Bergamo Sub per tutto questo. 

Roberto Mozzi  


15 maggio 2019

"Il sogno della mia vita....si è avverato" 

Eccoci giunti alle attesissime uscite al mare, il sogno della mia vita, nella splendida conca di S. Fruttuoso. Ho praticato spesso snorkelling in queste acque, ma come ogni buon sub sa (persino una matricola come me)...sotto è tutta un'altra storia! Scendere insieme ad un fantastico gruppo di persone, istruttori e compagni, che mi hanno accompagnato per tutto l'anno in questa avventura è stata un'emozione e una gioia davvero indescrivibili. Ci siamo, ora si fa sul serio: saliamo su due entrobordo da veri duri, 370 cavalli che cavalcano le onde di un mare agitato, con venti forti e nuvoloni, poi un tuffo 'a passo di gigante' e finalmente giù, tutti insieme, fra salpe, cernie XXL, immancabili banchi di acciughine, praterie di Posidonia e ricci. Ognuno di noi fotografa, illumina e filma tutto quel che può, sotto 'lo sguardo attento' del Cristo degli Abissi e il tempo sott'acqua letteralmente vola! Il secondo giorno siamo baciati dal sole, il clima è più mite e allora ci prendiamo ancora più gusto, 'perdendoci' nel piacere di ammirare meglio la scogliera e l'ambiente marino dell'area protetta di Portofino, mentre ci sfrecciano davanti famigliole di piccoli (neanche troppo) barracuda.
Siamo tanti, tutti diversi, tutti un po' matti (sarà l'azoto accumulato?!), accomunati però da una bellissima passione che ci spinge 'ad andare sempre sotto la superficie' per scoprire e ammirare mondi di una bellezza e una calma sorprendente. Sono fiera di far parte del vivacissimo Bergamo Sub, dove ho incontrato persone veramente in gamba, uniche e speciali...e che dire poi anche del mio gruppo di compagni di corso (Emilio, Ivan, Ale Dresbach, Nicole, più noi tre Roberti e molti altri ancora)??
GRAZIE DI CUORE A TUTTI VOI PER QUESTO SOGNO AVVERATO.

Roberta Falco 


14 maggio 2019

"La mia prima immersione al mare" 

11 Maggio 2019
San Fruttuoso, Riserva marina protetta di Portofino.
Immersione al Cristo degli abissi.
44°18'47.89"N  09°10'30.95"E

Ore 14:30 circa. La prima barca carica di allievi di Bergamo Sub esce rapidamente dal porto di Rapallo sotto un cielo coperto da pesanti nuvole, faticando e sbuffando contro il mare mosso, diretta verso il sito d'immersione.
Una leggera pioggia accompagna gli sguardi incerti e le grandi onde che ritmicamente si infrangono sulla prua, bagnando preventivamente gli altalenanti sommozzatori grazie alle forti raffiche di vento che trasportano l'acqua di mare per tutta l'imbarcazione.

La baia dell'abbazia di San Fruttuoso si presenta allo sguardo come un luogo selvaggio e impervio, caratterizzato da una grande conca rocciosa semicircolare, racchiusa da scure falesie a picco sul mare, in questo giorno circondate alla sommità dalle spesse nuvole grigie affacciate su un mare blu intenso nonostante il sole coperto.
Uno scenario davvero magnifico.


La barca ondeggia senza sosta mentre i subacquei si preparano a saltare proprio sopra un piccolo banco di bellissime e velenose meduse color rosa-viola (Pelagia noctiluca). Pochi metri di discesa sotto la superficie e il celeberrimo Cristo degli abissi fa la sua prima apparizione per farsi ammirare dal curioso gruppo. La visibilità è discreta anche se non delle migliori.

Questo ovviamente non impedisce agli allievi di Bergamo Sub di vivere la loro prima vera esperienza di esplorazione dei fondali marini, un'esperienza unica in un mondo nascosto alla superficie ma che rappresenta l'unicità del nostro pianeta Terra... pianeta che forse sarebbe più significativo chiamare pianeta Acqua.

L'immersione ci permette di scoprire interi universi di creature, di forme e di colori semplicemente osservando il lato di un umile scoglio inabissato a una decina di metri sott'acqua. Non esistono veramente parole per descrivere la bellezza delle formazioni naturali e della vita marina.
Proseguiamo esplorando praterie di Posidonia e numerosi anfratti rocciosi ricchi di vegetazione.

Prendo nota dell'avvistamento, tra le circa sette, di una Cernia bruna (E. marginatus) dalle dimensioni davvero notevoli, il pesce più grande che abbia mai visto... a meno di due metri da me che nuota libero! Incredibile!
Aggiungo alla lista i barracuda (Sphyraena), fitti banchi di castagnole (Chromis Cromis), la patata di mare (H. papillosa), il pesce donzella (Thalassoma pavo).
Per la flora marina: Posidonia oceanica, Anemonia sulcata, H. lamellosa.
Avvistate anche piccole formazioni di corallo.

In definitiva l'esperienza vissuta con Bergamo sub ha permesso agli aspiranti esploratori del mare di ottenere le conoscenze e le capacità necessarie per scoprire il mare con divertimento, con passione e curiosità, ma soprattutto sempre in sicurezza, grazie a un corso di preparazione completo e grazie alle competenze degli esperti istruttori che ci hanno accompagnato in questa grande avventura.
Auguro a chiunque di scoprire le meraviglie di questo pianeta, specialmente il tanto fondamentale quanto fragile ecosistema marino, perché la conoscenza è il solo primo vero grande passo verso un futuro di salvaguardia di questo inestimabile patrimonio.

Simone Mainetti


13.05.2019

"Un'esperienza indimenticabile" 

La mia prima e vera immersione al mare di Rapallo, un’esperienza indimenticabile e molto emozionante. Gli istruttori della Bergamo Sub ci hanno insegnato e trasmesso una passione che ci ha portato a conoscere un mondo nuovo, affascinante e tutto da esplorare. Il sub è una disciplina che di porta in un altro mondo. Faccio i complimenti a agli organizzatori e a tutti gli istruttori che, nonostante siamo brevettati, ci hanno accompagnato a visitare fondali marini affascinanti. Complimenti ancora e l’anno prossimo mi prenoto per il secondo grado. Il Sub e questo mondo mi mette pace e tranquillità. Grazie a tutti voi.

Emilio Rota